Top News

Il Giornale »

  • Avere un bimbo sul web costa 25 euro

    Postato 2018-03-05 09:46:55 da: Utente Eliminato

    C'è chi cerca un partner per esaudire il sogno di diventare genitore, senza alcun vincolo di coppia. E chi, nell'ambito di una relazione omosessuale, si affida alla Rete per trovare un donatore di seme e mettere così al mondo il proprio bebè. Succede in Italia attraverso un sito che promette di collegare «i genitori o i futuri genitori che desiderano crescere un bambino». Rigorosamente fuori da qualunque rapporto familiare o sentimentale. Il portale si chiama Co-genitori.it e, in cambio di un canone da 25 euro al mese, permette agli utenti di scorrere gli annunci - con foto, età, provenienza geografica e breve descrizione - scegliere il partner o il donatore ideale, chattare e conoscersi di persona per programmare la gravidanza. Un po' come avviene per i siti di vacanze low cost o per gli acquisti sul web, solo che in questo caso in ballo c'è la vita di un'altra persona.La mission è chiara: aggirare la burocrazia e i limiti delle norme sulla procreazione assistita, rivolgendosi «agli omosessuali, ma anche a tutti coloro che non vogliono vivere in coppia». Chiaro è anche lo slogan del portale: «Genitori insieme, ma senza stare insieme». Il sito è attivo dal 2008 e conta già oltre centomila iscritti. Un numero altissimo, in linea con una tendenza che sta crescendo in tutta Europa. Complice il calo della fertilità, in tutto il vecchio continente si stanno sviluppando banche del seme sempre più sofisticate e organizzate, le più grandi delle quali si trovano in Danimarca. Ed è qui che si rivolgono molti connazionali quelli disposti a spendere cifre molto alte - nella speranza di abbreviare i tempi. Altri entrano invece nella giungla degli annunci privati o dei portali come Co-genitori.it. Che sfruttano i limiti di una legislazione ancora incompleta per restare nella più assoluta legalità.In Italia la procreazione medicalmente assistita è possibile per ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Putin e il comizio allo stadio. Sostenitori reclutati sul web: Per chi viene ecco 500 rubli

    Postato 2018-03-05 09:29:56 da: Utente Eliminato

    Le segnalazioni che rischiano di rovinare l'apparenza dorata, la squadra unita e compatta come un solo uomo che risponde entusiasta al suo Presidente Putin. Stadio gremito e sostenitori in delirio, tutti in coda per bene a sostenere il loro leader: 130mila persone secondo il Ministero dell'Interno si sono ammassate per ascoltare lo «zar» nell'ambito dell'evento «Per una Russia forte». «Vogliamo che il nostro paese sia prospero e che guardi al futuro, ai nostri figli e nipoti... faremo tutto il possibile per renderli felici», ha detto Putin al pubblico festante. «Insieme siamo una squadra: siamo una squadra vero?» ha chiesto alla folla, che ha risposto con un fragoroso «Sì!». Eppure, c'è un però. Prima del raduno di sabato, sono piovute decine di denunce a gridare all'inganno. Decine di migliaia di russi sarebbero infatti secondo le segnalazioni arruolati per partecipare all'evento. Studenti universitari, impiegati statali e lavoratori di società private sono stati tra quelli sottoposti a pressioni, secondo i siti web dell'opposizione e i post sui social media. Con tanto di istruzioni per l'uso: «organizzatevi in gruppi di non meno di quattro persone e fotografatevi quando arrivate allo stadio», dice una mail, vista dal Guardian, che è stata inviata ai dipendenti di un'azienda con sede a Mosca. «Non dimenticare di ritirare i tuoi cartelloni venerdì!». Un dipendente della compagnia ha detto che temeva che il suo salario sarebbe stato tagliato se avesse disertato.Andrei Kondrashov, portavoce della campagna di Putin, ha negato che qualcuno sia stato costretto a partecipare alla manifestazione. E piovono altre prove schiaccianti: una mail che promette soldi in cambio della presenza. «Uomini e donne, tra i 20 e i 55 anni. Il 3 marzo, ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Medioriente bollente. È già partita la corsa alle armi nucleari

    Postato 2018-03-05 09:24:27 da: Utente Eliminato

    Sarebbe molto interessante, in queste ore di frenetica verbalizzazione delle intenzioni politiche sul futuro dell'Italia, capire come intende muoversi il nostro Paese nell'ambito di una crisi mondiale che rischia di vedere il Medio Oriente prendere fuoco a causa degli appetiti iraniani e della reazione di chi intende difendersi, da Israele a tutti i Paesi arabi moderati. Gli Usa da una parte, Putin dall'alltra, Israele pronta all'azione, i Paesi Arabi si armano contro gli ayatollah, le milizie iraniane si espandono a decine di migliaia con gli Hezbollah, le loro intenzioni imperiali minacciano ben più dell'Isis. Naturalmente la promessa dei 5 stelle di una ministra degli esteri, come ha scritto il Foglio, sotanzialmente antioccidentale e amica dei seguaci di Chomsky, lo riteniamo uno scherzo di cattivo gusto. Ma sarebbe bello, invece, capire come si intende reagire alla macelleria di Bashar Assad coadiuvato dagli Hezbollah, armato e difeso dagli iraniani mentre seguita a uccidere i suoi compatrioti, supportato dai russi fino nel Consiglio di Sicurezza insieme al suo schieramento sciita omicida, fino al recentissimo veto di chiedere a Teheran di smettere di mandare armi agli Huti, «proxy» degli uraniani a Teheran. Cosa si pensa sull'inasprirsi dello scontro stile Guerra Fredda delle due grandi potenze, della melensa inutile ripetizione di principi terzomondisti dell'Europa, della questione della Corea del Nord?Il viaggio di Benjamin Netanyahu verso la Casa Bianca intrapreso ieri disegna un incontro col presidente Trump in cui si parlerà di nuovo di Iran: a 10 km da Damasco un satellite ha scoperto una base iraniana operata dalle forze Quds in cui si allineano missili a medio raggio che possono colpire qualsiasi parte di Israele. Una struttura simile fu distrutta a dicembre. Mentre questo avviene, dato che i missili sono stati disseminati dall'Iran a decine di migliaia anche ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • La Lega adesso chiude a M5s: Nessuna alleanza con i grillini

    Postato 2018-03-05 09:23:22 da: Utente Eliminato

    Dopo il risultato delle elezioni politiche di fatto si apre la corsa a palazzo Chigi e anche la corsa ad una nuova maggioranza. Il rebus per Mattarella non è facile. Infatti le alleanze possibili per ottenere una maggioranza solida sono tutte da studiare. I dati certi sono tre: il Movimento Cinque Stelle è il primo partito, la coalizione di centrodestra è prima e il Pd è crollato. Qualcuno negli scenari futuri ha profetizzato una alleanza post voto tra i leghisti e i pentastellati.Ma proprio il Carroccio rifiuta in modo chiaro questa ipotesi. Massimiliano Fedriga, Capogruppo della Lega alla Camera ha le idee molto chiare: "Salvini Premier? Sono convinto che il Presidente della Repubblica terrà in considerazione il risultato elettorale essendo la Lega la prima forza politica della coalizione che esprime la maggioranza dei voti e dei parlamentari". E ancora: "Non vedo personalmente grande alternativa a una coalizione del centro destra, anche vedendo i numeri. Come ha detto ieri il vice Segretario Federale del partito Giorgetti, il nostro interlocutore sono gli alleati; noi andiamo in quella direzione". Dunque la Lega resta saldamente nella coalzione di centrodestra. Le strade con i grillini resteranno ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • L'effetto voto in Borsa Spread su di dieci punti

    Postato 2018-03-05 09:17:47 da: Utente Eliminato

    Il risultato delle elezioni impatta sulle Borse. Cinque Stelle primo partito e centrodestra prima coalizione. È questo lo scenario che è venuto fuori dalle urne. La reazione dei mercati è comunque gelida, e Piazza Affari apre in netto calo perdendo l'1,83 per cento. E di fatto i risultati del voto italiano hanno effetti anche sui mercati europei. Le borse europee hanno paerto in moderato calo.L'effetto sui mercati degli scenari di instabilità viene mitigato dal risultato del referendum in Germania all'interno della Spd sulla Grosse Koalition. n avvio a Francoforte il Dax scivola dello 0,63%, a Parigi il Cac40 cede lo 0,21% e a Londra l'indice Ftse100 segna un +0,04%. In calo anche le borse asiatiche. La Borsa di Tokyo è in calo delo 0,96%. Hong Kong arretra dell’1,26% e Shanghai cede lo0,18%. Sui mercati pesano lo yen forte, l’incertezza per le misure protezionistiche annunciate dal presidente Usa, Donald Trump e pesa anche il voto in ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Elezioni, centrodestra prima coalizione. ​Vola il M5S, il Pd crolla sotto il 20%

    Postato 2018-03-05 09:09:27 da: Utente Eliminato

    Cala il sipario su una legislatura contestatissima e divisiva. E, dopo una lunga giornata segnata da errori, ritardi e code, lo spoglio dei voti incorona il centrodestra prima coalizione del Paese. Incassa il 35,7% alla Camera e il 36% al Senato. Il Movimento 5 Stelle è, invece, il primo partito del Paese col 30,78% alla Camera e il 30,91% al Senato. A piangere è Matteo Renzi che, dopo il tracollo del Pd al 19%, dovrà ora fare i conti con i malpancisti dem. Più in generale, il quadro che ne esce è complicato. Nessuna forza politica, né da sola né in coalizione, avrebbe dunque la maggioranza e, quindi, l'autosufficienza per poter governare. A meno che non vi siano "innesti" esterni."Si parte da noi - esultano in Forza Italia - il centrodestra è la prima coalizione". All'interno della coalizione, secondo le proiezioni di Tecnè, la Lega supera Forza Italia. Il partito di Silvio Berlusconi è al 14,18% alla Camera e al 14,4% al Senato, mentre il movimento guidato da Matteo Salvini è al 18,47% al Senato e al 18,57 alla Camera. "È un momento storico per il Carroccio", chiosa Giancarlo Giorgetti che, escludendo "intese" post voto, avvia le trattative con gli alleati. Tra questi anche Fratelli d'Italia che incassa oltre il 4%. "Dopo cinque anni di governo della sinistra il centrodestra e non il Movimento 5 Stelle è l'alternativa vincente - fanno sapere da Forza Italia - gli italiani, come aveva chiesto il presidente Berlusconi, non hanno fatto prevalere la deriva grillina". La partita, poi, non è affatto finita. "Ci sarà la fila per entrare nel centrodestra...", commenta il capogruppo azzurro alla Camera, Renato Brunetta.Nelle prossime ore la palla passerà al capo dello Stato Sergio Mattarella. Che non potrà prescindere dall'exploit del Movimento 5 Stelle. Alessandro Di Battista ha già fatto sapere che non ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Elezioni, il buongiorno di Mentana alla maratona: Beati voi che...

    Postato 2018-03-05 09:07:57 da: Utente Eliminato

    "Buongiorno, sono le 6, 33 primi e 33 secondi". Inizia così la mattina elettorale di Enrico Mentana, impegnato tutta la notte in una lunghissima maratona elettorale. La diretta che l'ha ormai reso "famoso" sui social network. "Se ci seguite da ieri sera sapete di cosa state parlando", dice Mentana ai telespettatori nella speranza che qualcuno non abbia ceduto al richiamo di Orfeo e abbia passato la notte in bianco di fronte alla televisione. "Se vi siete svegliati ora - ironizza poi - beati voi". "Ci sono state le elezioni - è il riassunto che fa il direttore del Tg di La7 ai telespettatori appena collegati - e ha vinto il Movimento Cinque Stelle come lista, che ha superato il 30% dei voti sia alla Camera sia al Senato".La diretta di Mentana è iniziata intorno alle 22 ieri sera e non si è fermata fino a stamattina. Oggi sarà in programma anche la rincorsa ai dati delle elezioni regionali, dove se la Lombardia sembra ormai assegnata, il Lazio invece è in bilico con Stefano Parisi che tallona da vicino Nicola Zingaretti. Leggi qui tutti i risultati delle elezioni politiche e ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Spd: sì alla Grande coalizione. La Merkel ritorna Cancelliere

    Postato 2018-03-05 09:06:47 da: Utente Eliminato

    «È stata fatta chiarezza: la Spd entrerà nel prossimo governo». Con queste parole il presidente a interim del partito socialdemocratico, Olaf Scholz, ha sgombrato il cielo della politica tedesca dalle nuvole che si sono sempre più accumulate dallo scorso 24 settembre, data delle ultime elezioni per il rinnovo del Bundestag. I socialdemocratici hanno dunque dato l'ultima luce verde al varo del quarto governo di Angela Merkel, la stessa cancelliera sotto la cui guida hanno governato negli ultimi quattro anni.L'annuncio è stato dato domenica mattina dalla Willy Brandt Haus, sede berlinese dello storico partito della sinistra tedesca. La notte precedente il quartier generale della Spd si era trasformato in un piccolo Viminale, con un gruppo di scrutatori chiamati a fare lo spoglio dei voti inviati per posta dagli iscritti al partito socialdemocratico: è a loro che tradizionalmente la dirigenza affida l'ultima parola sulle scelte strategiche. E formare un nuovo governo con la cancelliera è certamente una di quelle. Assieme a Merkel la Spd ha già governato nel 2005: allora i due partiti arrivarono ex equo alle elezioni attorno al 35% per cui la große Koalition sembrò la scelta più naturale. Nel 2013 i rapporti di forza erano cambiati e Merkel, uscita vincente alle elezioni, si affidò ai socialdemocratici solo perché i tradizionali alleati Liberali non erano entrati in Parlamento. Oggi il quadro è ancora diverso: sia la Cdu della cancelliera sia il principale partito della sinistra sono usciti scornati dalle urne, perdendo complessivamente quasi 15 punti percentuali. All'indomani del voto, Merkel ha tentato di costruire un'alleanza nuova, sperimentata solo a livello regionale, unendo Verdi e Liberali. A causa di questi ultimi, però, a novembre l'esperimento è fallito. Il capo dello Stato, il socialdemocratico Frank-Walter Steinmeier, ha allora spronato Cdu e Spd al nuovo accordo, ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Il sogno cinese di Trump. Leader a vita negli Usa

    Postato 2018-03-05 08:50:11 da: Utente Eliminato

    Chiaramente una battuta. In un contesto amico, mentre pronunciava il suo discorso durante una raccolta fondi, a porte chiuse, in Florida, nella sua residenza di Mar-a-Lago. Eppure le parole del presidente statunitense Donald Trump hanno già sollevato un polverone. Perché la frase incriminata - rilanciata dalla Cnn e additata dall'opposizione democratica - per molti nasconde una reale ammirazione per l'uomo che si farà presto dittatore a tempo illimitato, il presidente cinese Xi Jinping. «Non dimenticate che la Cina è grande e che Xi è un grande gentiluomo» esordisce «The Donald». «Ora è presidente a vita. Presidente a vita. È un grande», aggiunge fra le risate dei suoi sostenitori. Il leader Usa non la chiude lì e continua, elogiando le capacità del leader comunista: «E guardate, è stato in grado di farlo. Credo che sia un grande. Forse un giorno dovremmo fare un tentativo» anche noi. Risate grasse. E applausi. «È il presidente più potente degli ultimi cento anni. E ci ha trattato tremendamente bene quando sono andato laggiù». L'insistenza sull'argomento, per i democratici è la prova che, nonostante il tono scherzoso, Trump abbia svelato una reale ammirazione. «George Washington si rivolterebbe nella tomba - ha commentato disgustato il deputato di minoranza Ro Khanna -. Che fosse o meno uno scherzo, parlare di essere presidente a vita come Xi Jinping è il sentimento più anti-americano espresso da qualsiasi presidente americano».Il 25 febbraio il Comitato centrale del Partito comunista cinese ha annunciato di voler cancellare il limite dei due mandati per la presidenza (e anche per la vicepresidenza). Riforma che verrà certamente approvata questa settimana, durante la Conferenza consultiva del Popolo cinese, e che aprirà le porte dell'Olimpo dei grandi ditattori a Xi, il cui secondo ...

    Commento: 0   Vedi Altro...

  • Rimborsopoli, l'ex della Sarti interrogato per cinque ore

    Postato 2018-02-17 12:47:13 da: Utente Eliminato

    Cinque ore di interrogatorio per Bogdan Andrea Tibusche, alias Andrea De Girolamo, l'ex fidanzato di Giulia Sarti accusato dalla deputata M5S di averle sottratto 23mila euro di rimborsi che dovevano invece andare al fondo per il microcredito. L'uomo è stato ascolato a Rimini fino a tarda notte dai pm che indagano per appropriazione indebita aggravata dall'ospitalità e dalla coabitazione con la deputata. "Tutto falso, la verità è un'altra", aveva detto lui ieri su Facebook, asscurando di avere le prove di non essere coinvolto nella questione: "Io ho un brutto vizio: registrare tutto e pure le telefonate", aveva scritto. "Si è presentato autonomamente alla procura della Repubblica di Rimini per dare delle spiegazioni e non per fornire giustificazioni perché non ha nulla di cui giustificarsi", ha spiegato all'Agi il suo legale, l'avvocato Mario Scarpa, "Contrariamente a quello che succede di solito, il verbale è stato secretato perché ovviamente il caso ha ripercussioni di portata ben oltre ...

    Commento: 0   Vedi Altro...



Inviter_ln_max_title

Inviter_ln_max_descr